E’ morto Piero Gheddo

https://i1.wp.com/www.atma-o-jibon.org/images7/p_gheddo6.jpg

Io non l’ho mai conosciuto ma per me è stato molto importante e istruttivo leggere i suoi resoconti e cronache sulle missioni.

Una persona innamorata di Cristo, contagiosa, che ha aiutato a scalfire i miei pregiudizi anticlericali.

Grazie Signore, mandane tanti altri/e come lui.

http://www.gheddopiero.it/
http://gheddo.pimemilano.com/

“Il problema è mendicare nel posto sbagliato, cioè riempire il nulla col nulla.”

Il problema non è il mendicare, che è la nostra condizione esistenziale, cioè il bisogno di relazione per essere felici. Il problema è mendicare nel posto sbagliato, cioè riempire il nulla col nulla.

Costanza Miriano
leggi qui

 

«L’uomo è per natura la creatura che termina senza avere, in senso terreno, completato e perfezionato le cose, e questa sua interruzione getta su tutto il suo esserci un’apparenza di inutilità.»

«Dio è la realtà ultima della creatura. In quanto conquistato è cielo, in quanto perduto è inferno, in quanto ci esamina è giudizio, in quanto ci purifica è purgatorio. […] Lo è però così com’è rivolto al mondo, cioè nel suo Figlio Gesù Cristo, che è l’aspetto rivelato di Dio e quindi il compendio delle “ultime cose”.»

Hans Urs von Balthasar
link

 

– Guarda caso Gesù risorge quando si risveglia la natura… è chiaro che si tratta di una storiella “studiata”…

– No, è la natura che si risveglia quando Cristo risorge, essendo l’universo fondato sulla sua Croce.

«Sapete ciò che vi ho fatto?»

«Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono.
Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri.
Vi ho dato infatti l’esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi».

Giovanni 13,1-15.

“Gesù, lui, ha perseverato nell’amore fino alla fine, fino ad arrivare, per questo amore, al colmo doloroso che vediamo.
E non solo per coloro che erano già suoi amici, ma per i nemici, per farne degli amici, e non a suo vantaggio, ma per la loro salvezza. ”
San Tommaso Moro